13 settembre 2013

Aida campIl summer camp non è ancora cominciato, ma ci siamo incontrati/e e conosciuti/e tra i/le partecipanti al campo. Il centro Amal Al Mustaqbal si trova in mezzo al campo profughi Aida Camp alle porte di Betlemme.

Il centro aperto dal 1989 dopo la prima intifada, è nato dall’esigenza di garantire un istruzione ai bambini durante la rivolta, nasce ed è tutt’ora indipendente rispetto al circuito della cooperazione internazionale praticando autogestione. Inizialmente chiamato Aida school, ha preso il nome Amal dalla fondatrice uccisa dall’esercito israeliano.

I/le giovani del campo profughi, dopo la seconda intifada, hanno iniziato attivamente a partecipare alle attività dandogli il nome Al Mustaqbal: speranza di un futuro. Da quel momento ospita attività come asilo nido per bambin* sotto i sei anni, corsi di danza dabka, corsi di yoga, di lingue e un giorno al mese diventa punto di assistenza sanitaria gratuita. Inoltre rappresenta un riferimento per la memoria e la cultura palestinese, con particolare attenzione alla storia dei villaggi originari.

Aida campAbbiamo quindi deciso di farci raccontare e vedere con i nostri occhi la realtà del campo profughi di Aida. Ogni angolo di strada ci racconta una storia di lotta e di resistenza.

La memoria collettiva rivive anche attraverso i numerosi murales che circondano il campo e raccontano le storie di tutti i villaggi occupati e ora distrutti (quali ad es. Beit natif occupato il 21.10.1948 dalla brigata Har’el, di 44.5 km2, con una popolazione di 2494 abitanti oppure Al Ma lha, occupato il 15/07.48 dalla brigata Palmach), dei ritratti dei prigionieri politici detenuti sotto ergastolo nelle carceri israeliane, dei vari slogan che inneggiano alla resistenza impressi sul muro della vergogna che circonda il campo.

8 metri di cemento sovrastano Aida camp rinchiudendo i suoi abitanti e dividendoli dal resto del mondo, monitorati ad ogni Km da una torretta armata, dal checkpoint 300 che divide Gerusalemme dal resto della Cisgiordania.

L’oppressione si manifesta nella vita quotidiana, attraverso la negazione dell’accesso alle risorse idriche: l’UNRWA fornisce una quantità d’acqua al campo insufficiente alla popolazione che conta 5500 abitanti ed in continua crescita.

Domani inizieranno le attività con i bambini e le bambine, viva Palestina.

Shebab del Summer Aida camp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Comments links could be nofollow free.